Cute Fotoinvecchiata
Problemi della pelle, Viso

Pelle rovinata dal sole

Cos’è la Pelle rovinata dal sole

E’ un processo pressoché inevitabile e che si verifica in tutti gli individui, infatti da dopo la nascita la pelle è esposta alle radiazioni solari, luminose e non. Le radiazioni solari, per definizione della fisica, sono radiazioni elettromagnetiche e, quando impattano sulla cute e la penetrano, trasferiscono l’energia alle cellule dell’epidermide e del derma con effetti in parte positivi e in parte negativi. Le radiazioni Ultraviolette, che non possiamo vedere o sentire, sono le più pericolose; infatti sono così cariche d’energia elettromagnetica da poter distruggere una cellula o danneggiare il patrimonio genetico. La continua esposizione ai raggi del sole del volto e dorso mani, provoca un invecchiamento precoce, che essendo causato dalla luce e non dagli anni trascorsi, prende il nome di fotoinvecchiamento (Photoaging).
I segni più visibili del fotoinvecchiamento sono le Melanosi o macchie solari, le Rughe e le Cheratosi. Questi segni, non presenti nelle sedi protette dal sole, di solito i glutei, sono la testimonianza del danno da raggi Ultravioletti sulle cellule dell’epidermide.

Cute Fotoinvecchiata

Cosa fare in caso di Cute Fotoinvecchiata

Il trattamento più semplice, efficace e non invasivo è il Micropeeling che consiste nell’applicare sulla pelle da trattare una miscela di agenti esfolianti a concentrazione non irritante. Si ottiene così un’accelerazione della desquamazione e del ricambio cellulare; come conseguenza le cellule meno attive, perché danneggiate dal sole, vengono sostituite da cellule più attive in grado di generare una pelle più compatta, con meno macchie solari, rughe e cheratosi.
Il Micropeeling si effettua applicando alla sera, su cute pulita e struccata, Glicocrema. L’applicazione va effettuata su tutto il volto tranne la zona palpebrale utilizzando poco prodotto e molto massaggio. All’applicazione si può percepire sensazione di prurito o di punture che regredisce in pochi minuti.
Dopo non si sciacqua e non si applicano altri prodotti. La frequenza d’applicazione è suggerita dal dermatologo in base al tipo di pelle e può andare da una applicazione la settimana a una applicazione tutte le sere. Il trattamento si esegue da ottobre fino a giugno. Durante il periodo estivo l’impiego di Glicocrema è subordinato al giudizio del dermatologo.
Il Micropeeling tende a rendere più secca la pelle pertanto, per evitare la secchezza, per il lavaggio e lo strucco si utilizza Base Lavante Eudermica e alla mattina si applica Crema Emolliente. Il trucco consigliato è quello minerale con Argillina Color mentre è da evitare il fondotinta che ha azione coprente, antitraspirante e che si assorbe nella cute contribuendo all’invecchiamento. Per la Protezione solare si consiglia l’utilizzo di foto riflettenti minerali naturali come Argillina Sole
Il Micropeeling con Glicocrema è adatto a soggetti di età pari o superiore ai 40 anni mentre quelli più giovani possono utilizzare Glicosal Lozione.